Custom Menu
Latest From Our Blog

Blog Medium Image Whole Post

Papa Francesco a Verona il 18 Maggio: Un Messaggio di Pace in Arena.

Oggi, 16 maggio, celebriamo la Giornata Internazionale della Pace, un’occasione per riflettere sull’importanza della pace e dell’armonia nelle nostre vite e nelle nostre comunità. In questo contesto, non possiamo che non ricordare l’appuntamento con Papa Francesco, che sarà a Verona il 18 maggio, un evento che promette di portare un messaggio di speranza e unità.

La Giornata Internazionale della Pace

La Giornata Internazionale della Pace è un momento per ricordare a tutti noi quanto sia fondamentale costruire ponti di comprensione e cooperazione, specialmente in un mondo spesso segnato da conflitti e divisioni. È un giorno per celebrare la nostra comune umanità e lavorare insieme per un futuro più giusto e pacifico.

La Visita di Papa Francesco

L’arrivo di Papa Francesco a Verona non potrebbe essere più tempestivo. Conosciuto per il suo instancabile impegno per la giustizia sociale e la pace, il Santo Padre ha sempre sottolineato l’importanza del dialogo e della riconciliazione. Durante il suo pontificato, ha lanciato innumerevoli appelli per la pace e ha lavorato per costruire relazioni più forti tra diverse comunità e religioni.

Il Programma Completo della giornata

Arrivo in Città e alla Basilica di San Zeno

Papa Francesco arriverà a Verona in elicottero, atterrando intorno alle 8 nel piazzale adiacente lo stadio Bentegodi. Si sposterà quindi in auto alla Basilica di San Zeno, dove alle 8.30 incontrerà circa un migliaio di sacerdoti e consacrati. Il Santo Padre si soffermerà davanti alle spoglie del patrono della Chiesa di Verona, che per l’occasione saranno traslate al piano superiore. Alle 9.15, all’uscita dalla basilica, incontrerà circa 5 mila bambini e ragazzi radunati per la festa in piazza San Zeno con i loro genitori e catechisti.

Partecipazione ad Arena di Pace

Alle 10.15, Papa Francesco presiederà l’evento “Arena di Pace 2024” sul tema “Giustizia e pace si baceranno”, un tema che farà da cornice all’intera visita papale. All’interno dell’anfiteatro scaligero, il Papa risponderà a domande emerse dai confronti su migrazioni, ecologia integrale e stili di vita, lavoro economia e finanza, diritti e democrazia, disarmo. Sarà un momento di riflessione con numerosi ospiti internazionali e personalità italiane, tra cui Vanessa Nakate, Mahbouba Seraj, Joao Pedro Stedile, Andrea Riccardi, Carlo Petrini e Carlo Rovelli.

Visita alla Casa Circondariale di Montorio

Dopo l’incontro in Arena, il Papa si recherà in auto alla Casa Circondariale di Montorio, dove terrà un discorso agli agenti di Polizia penitenziaria, ai detenuti e ai volontari, seguito da un pranzo con i detenuti. Mons. Domenico Pompili ha sottolineato come queste visite siano per Papa Francesco un’espressione di umanità e speranza.

Celebrazione Conclusiva allo Stadio Bentegodi

L’ultimo atto della visita sarà la concelebrazione eucaristica prefestiva di Pentecoste allo stadio Bentegodi, che inizierà alle 15 e sarà preceduta da una festa con adolescenti e giovani. Questo abbraccio conclusivo vedrà oltre 30 mila fedeli partecipare dagli spalti. Alle 16.45, Papa Francesco ripartirà in elicottero per il Vaticano.

L’Importanza di Questo Momento

La presenza di Papa Francesco a Verona rappresenta un’opportunità unica per riflettere sui valori che ci uniscono e sul ruolo che ciascuno di noi può giocare nel promuovere la pace. È un invito a lavorare insieme per il bene comune, superando le barriere che spesso ci dividono.

Concludiamo con le parole di Papa Francesco: “La pace è un bene prezioso, oggetto della nostra speranza, al quale aspira tutta l’umanità.”

Promuovere la Genitorialità Positiva: Il Ruolo Chiave degli Educatori

La genitorialità è un viaggio unico, ricco di gioie, sfide e momenti di crescita, ma che può vedere anche momenti complessi. Gli educatori, con la loro esperienza e conoscenza, giocano un ruolo fondamentale nel fornire supporto, risorse alle famiglie e per favorire un ambiente di genitorialità sana e positiva.

L’Importanza degli Educatori nella Genitorialità

Gli educatori, come i professionisti di Unisociale, offrono un sostegno prezioso alle famiglie, fornendo loro competenze, strumenti e risorse per affrontare le sfide quotidiane dell’essere genitori. Il loro ruolo comprende:

  • Formazione e Consulenza: gli educatori offrono consulenza personalizzata e programmi formativi per aiutare i genitori a sviluppare abilità genitoriali efficaci, in collaborazione con gli enti dedicati.
  • Risorse e Supporto Emotivo: mettono a disposizione delle famiglie risorse pratiche e supporto emotivo per affrontare le sfide della genitorialità, come il comportamento dei figli, la gestione dello stress e la comunicazione familiare.
  • Promozione dello Sviluppo Infantile: gli educatori forniscono informazioni e risorse per favorire lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei bambini, contribuendo così a creare un ambiente familiare stimolante e gratificante.

Unisociale, con i suoi progetti si impegna anche a tutelare il benessere delle famiglie e dei minori, ha sviluppato un programma innovativo di supporto alla genitorialità. Gli educatori di Unisociale lavorano a stretto contatto con le autorità dedicate e le famiglie, offrendo consulenza, formazione e risorse pratiche per promuovere una genitorialità positiva e consapevole.

Il supporto continuo degli Educatori

Gli educatori comprendono che la genitorialità è un percorso in continua evoluzione e sono impegnati a fornire un sostegno continuo e personalizzato alle famiglie in ogni fase del loro viaggio genitoriale. Grazie alla loro presenza costante e al loro impegno, gli educatori aiutano le famiglie a superare le sfide e a costruire relazioni familiari solide e soddisfacenti.

Gli educatori svolgono un ruolo insostituibile nel promuovere una genitorialità positiva e sostenere le famiglie nel loro percorso di crescita e sviluppo. Attraverso il loro impegno e la loro dedizione, gli educatori contribuiscono a creare un ambiente familiare amorevole e stimolante, dove i minori possono crescere a 360°.

L’Italia è il Paese più anziano d’Europa. Una sfida per l’intera società.

Il Terzo Settore in Evoluzione: Verso una Nuova Era Sociale


Il terzo settore è in costante mutamento, adattandosi alle sfide emergenti e alle opportunità che caratterizzano il nostro tempo. Oggi più che mai, stiamo assistendo a un’evoluzione significativa nel modo in cui le organizzazioni non profit operano e affrontano le questioni sociali. In questo articolo, esploreremo come il terzo settore si sta trasformando e le tendenze che stanno plasmando la sua nuova era di innovazione sociale.

1. Collaborazioni Multisettoriali
Una delle tendenze più evidenti nel terzo settore è la crescente collaborazione tra organizzazioni non profit, imprese e enti governativi. Queste partnership multisettoriali permettono di affrontare le sfide sociali in modo più efficace, combinando risorse, competenze e prospettive diverse per ottenere risultati concreti. L’obiettivo è creare sinergie che portino a soluzioni innovative e sostenibili per i problemi sociali complessi.

2. Focus sull’Impatto e sulla Misurazione dei Risultati
C’è una crescente attenzione sull’importanza di misurare l’impatto sociale delle iniziative nel terzo settore. Le organizzazioni non profit stanno adottando approcci basati sui dati per valutare l’efficacia dei loro programmi e dimostrare il valore del loro lavoro ai finanziatori, agli stakeholder e alla società nel suo complesso. La misurazione dell’impatto non è più solo una tendenza, ma una pratica fondamentale per guidare le decisioni e massimizzare l’efficacia delle azioni sociali.

3. Innovazione Tecnologica e Digitale
L’innovazione tecnologica sta rivoluzionando il modo in cui il terzo settore opera. Dalle piattaforme alle soluzioni digitali per la gestione dei fondi, le tecnologie emergenti stanno offrendo nuove opportunità per coinvolgere il pubblico, migliorare l’efficienza operativa e amplificare l’impatto sociale delle organizzazioni non profit. Inoltre, l’uso di dati e analisi avanzate sta consentendo una migliore comprensione dei bisogni delle comunità e la progettazione di interventi più mirati ed efficaci.

4. Crescita dell’Imprenditorialità Sociale
L’impresa sociale sta guadagnando sempre più terreno nel terzo settore. Questa forma di imprenditorialità combina obiettivi economici con impatti sociali positivi, creando soluzioni innovative per problemi sociali e ambientali. Le imprese sociali non solo generano entrate per sostenere le loro attività, ma anche contribuiscono a promuovere il cambiamento sociale e a migliorare la vita delle persone.


Il terzo settore sta attraversando una fase di profonda trasformazione, caratterizzata da collaborazioni innovative, un focus crescente sull’impatto sociale misurabile, l’adozione di tecnologie avanzate e la crescita dell’impresa sociale. Queste tendenze non solo riflettono l’evoluzione delle sfide sociali e ambientali che affrontiamo, ma anche la determinazione delle organizzazioni non profit nel trovare soluzioni creative e sostenibili per affrontarle. In questo contesto in evoluzione, il terzo settore continua a essere un motore di cambiamento e di progresso sociale, guidato dalla visione e dalla passione di coloro che lavorano per un mondo migliore.

Promuovere l’Inclusione: la Legge 68/99 e il Mondo del Lavoro

Progetto Labora – Legge 68/99 – Unisociale

Come Possiamo Contribuire?

Trasformare l’Educazione: i SED

In un mondo nel quale l’istruzione diventa fondamentale, soprattutto in quegli ambienti nei quali i giovanissimi faticano a perseguire un percorso di studi lineare, la domanda di servizi educativi domiciliari è in costante crescita. CONSORZIO UNISOCIALE si distingue come un punto di riferimento affidabile, offrendo soluzioni su misura per soddisfare le esigenze educative di ogni individuo, direttamente in ambienti domestici o differenti dal contesto scolastico.

Connessioni Significative: Unisociale si impegna a creare connessioni autentiche tra insegnanti e studenti, promuovendo un ambiente di apprendimento empatico e inclusivo. Questo approccio non solo facilita l’apprendimento, ma favorisce anche lo sviluppo personale e sociale degli studenti.

Flessibilità e Personalizzazione: Riconoscendo l’unicità di ogni individuo, Unisociale offre flessibilità e personalizzazione nei suoi servizi educativi. Con una servizi e programmi adattabili, gli studenti possono definire il proprio percorso di apprendimento, che sia per affrontare difficoltà accademiche o perseguire interessi specifici.

Educatori professionisti: Unisociale si impegna a garantire la massima qualità di servizio. Ogni educatore è selezionato con cura, garantendo competenza e dedizione. Attraverso un costante monitoraggio e feedback, Unisociale assicura un’esperienza positiva per tutte le persone coinvolte nel percorso.

Finalità e obiettivi del servizio sono costituiti da prestazioni di assistenza domiciliare, scolastica, aggregativa e protetta finalizzate a soddisfare il bisogno di minori fragili, con famiglie poco adeguate, nuclei famigliari con disabili, minori o soggetti che presentino situazioni di disagio sociale anche temporaneo.

Il servizio si articola in interventi specifici sul contesto familiare ed in altri contesti rilevanti per la persona a cui sono riferiti, attivati anche da altri servizi o comunque in relazione con questi.

Gli obiettivi generali sono pertanto:

  • Promuovere la cultura della legalità.
  • Realizzare iniziative volte alla prevenzione del disadattamento minorile e l’abbandono scolastico.
  • Attivare processi esperienziali di formazione e socializzazione, suscitando curiosità ed interessi.
  • Stimolare lo sviluppo di competenze relazionali e cognitive per favorire la crescita socioculturale dei giovani.
  • Creare una rete di sostegno che coinvolga le famiglie, le scuole e la comunità intera in un progetto di accoglienza ed integrazione, che contrasti il ricorso a prassi di allontanamento del minore dal contesto di appartenenza.
  • Miglioramento delle capacità relazionali con il mondo degli adulti.
  • Adeguamento al sistema di regole.
  • Facilitazione del processo di socializzazione ed integrazione nel gruppo dei pari.
  • Sollecitazione dell’investimento scolastico e attenuazione delle difficoltà emotive rispetto all’apprendimento.
  • Contenimento di ansie e paure.
  • Acquisizione di autonomia.
  • Promozione dell’identità e accrescimento dell’autostima.
  • Intervento sui problemi comportamentali, relazionali, emotivi e/o cognitivi che portano a difficoltà di apprendimento.
  • Sostegno scolastico.
  • Allontanamento dalle dipendenze tecnologiche.

Per conoscere la nostra realtà e la nostra metodologia di lavoro, per approfondire e scoprire come è possibile aderire ai servizi proposti in ambito educativo potete inviare una mail a info@unisociale.org.

#ServiziEducativi #Minori #Scuola #Istruzione #Educazione #SED #SEDM

Il Servizio di Assistenza Domiciliare

L’Importanza dell’Operatore Sociale

Un lavoro guidato dalla passione